LA LEADERSHIP: CONDURRE, NON COMANDARE. L’ESEMPIO DI IVAN ZAYTZEV

Sono state giornate mondiali, di quelle che se non eri al palazzetto stavi incollato alla tv accanto ad altri 3 milioni di persone.

E insieme a loro tifavi, ti emozionavi, esultavi, supportavi.

Così, tra una partita e l’altra della nostra Nazionale, riflettevo sul concetto di leadership.

Il termine leadership, concetto già largamente studiato e descritto nei dettagli sia in contesti sportivi che aziendali, deriva dal verbo inglese to lead, che significa condurre.

Condurre non comandare.

Colui che conduce (con=insieme, ducere=guidare) è colui che ti mostra la strada perché lui per primo intraprende o ha intrapreso quel cammino.

TEAM BUILDING, LE 5 REGOLE DI SQUADRA

In questo articolo di team building ti illustro le 5 regole di comunicazione di squadra utili a rendere solido il tuo gruppo.

Non esiste la ricetta di una perfetta comunicazione all’interno del team, ma ci sono alcune regole di condotta chiare e super efficaci che possono aiutare una squadra a stringere le maglie e ad avere la giusta energia nel suo percorso verso l’eccellenza.

COSTRUISCI IL TUO OBIETTIVO BEN FORMATO IN 7 MOSSE

COSTRUISCI IL TUO OBIETTIVO BEN FORMATO IN 7 MOSSE

Costruire un obiettivo ben formato è uno step necessario per poterlo raggiungere.
Uno sportivo di norma è abituato a ragionare per obiettivi: un tempo, una posizione in classifica, una percentuale, un traguardo. Agonisti e non agonisti, tutti hanno degli obiettivi da raggiungere nell’ambito della propria disciplina.
Non sempre però si è a conoscenza che ci sono delle caratteristiche che rendono un obiettivo più o meno raggiungibile, già dal principio, all’atto della stesura stessa.