Chiara Carotti, allenatrice di arti marziali

Mi sono rivolta ad un mental coach per il desiderio di aprire un canale diverso con i miei atleti, con la mia collaboratrice e soprattutto di farmi delle domande diverse sul mio modo di approcciare lo sport “allenato” .

Dettagli

Sergio e Donatella, genitori di Martina, atleta

Seguendo da sempre il percorso sportivo di nostra figlia, abbiamo scoperto quanto “cerebrale” può essere la pallavolo, sport che lei ama tantissimo e che l’ha portata lontano da casa già da giovanissima. Seguivamo già gli interventi di Giulia su facebook e nel tempo abbiamo potuto constatare quanto i suoi consigli/ragionamenti potevano essere d’aiuto e di…

Dettagli

Fabio Cozzetto, Allenatore di pallavolo

Mi sono rivolto ad un mental coach perchè avevo bisogno di capire perché avessi perso tutta la fiducia in me stesso. L’occasione è arrivata durante la fase del corso di terzo grado. Ero terrorizzato dall’eventuale fallimento e dalla pessima figura che avrei rimediato nei confronti di famiglia e colleghi. Ero completamente perso nei pensieri negativi…

Dettagli

Laura Vigilante, atleta di pallavolo e beach volley

Ad inizio stagione, a seguito di alcune amichevoli non andate molto bene, un allenatore mi ha proposto di andare da un Mental Coach. Avevo bisogno di aiuto per gestire i momenti di difficoltà durante le partite, e per fare sì che la mia perfomance non fosse ostacolata da “momenti bui”. Lavorare con Giulia innanzitutto mi…

Dettagli

Patrizia, mamma di un’Atleta

Ho sempre guardato al mental coach come ad una sorta di “guru” che pontificava dall’alto in una specie di trance mistica fino a che… mia figlia è andata in crisi.Quella che era sempre stata la sua grande passione sportiva, la pallavolo, la stava distruggendo mentalmente.  Le capacità fisiche e tecniche c’erano tutte ma la testa era…

Dettagli

Grazia, mamma di un’atleta agonista di equitazione

La richiesta di fare un percorso di coaching è partita direttamente da Luvi, una sedicenne che ha attraversato in poco tempo grandi cambiamenti  (città, amici, scuola, cavallo). Abbiamo deciso di  assecondare subito la sua richiesta di aiuto, pensando che fare un giusto lavoro sul piano sportivo potesse darle risorse e fiducia anche nel resto. Allora sono partite le…

Dettagli

Luvi Morasso, campionessa italiana 2020 di salto ad ostacoli

Spesso dopo gli allenamenti non andati come speravo mi sentivo scoraggiata, delusa da me stessa, demotivata. Sentivo eccessivamente la pressione della gara e questo stato d’ansia sembrava comprometterne l’esito finale. Non riuscivo mai a metabolizzare una sconfitta o una delusione, me le portavo dietro per troppo tempo. Mi sono resa conto che non mi stavo…

Dettagli

Giulio Pellini, Allenatore

A tutti gli allenatori è capitato di pensare ed immaginarsi un esercizio per poi non vederlo realizzato come vorrebbero, o sentire di non essere capiti dai propri atleti/e. Questo genera spesso un senso di frustrazione e di rabbia. E se non ci spiegassimo bene? Non nel contenuto di quello che diciamo, ma nel modo. E…

Dettagli

Virginia Caliciotti, atleta

Mi sono avvicinata al mental coaching per il tipo di studi percorsi, conoscevo di cosa si trattava e più o meno come funzionava. Sapevo di aver bisogno di un percorso di mental coaching ma un pò per una questione economica e un pò perché volevo trovare la persona giusta, ho aspettato.

Dettagli

Gaia Munaron, giocatrice di pallavolo di serie B

Ero stanca di avere sempre prima delle gare ansia e di non divertirmi più mentre giocavo a causa delle mie troppe preoccupazioni e dei miei pensieri negativi, ecco perchè mi sono rivolta ad un mental coach. Oggi mi sento molto più sicura e sono riuscita a capire cose di me che prima non sapevo. Inoltre,…

Dettagli

Sara Del Vecchio, beacher

Mi sono avvicinata al mental coaching perchè volevo migliorarmi. Migliorare solo nello sport, credevo all’inizio, imparare ad uscire dalle situazioni di difficoltà in campo, aumentare la sicurezza in me stessa. Ma quando ho iniziato a lavorare con Giulia ho capito subito che non si trattava solo di approcciare nel modo migliore allo sport che pratico,…

Dettagli

Edoardo Serafino, giocatore di pallavolo

Praticando uno sport dove il contatto fisico con l’avversario è inesistente e non avendo doti atletiche fuori dalla media, ho capito subito che per competere ad alto livello avevo bisogno di allenare le mie capacità mentali il più possibile in modo da poter contrastare chi aveva qualità diverse dalle mie. Da qui la mia curiosità…

Dettagli

Daniel Arpaia, allenatore di pallavolo

Ho iniziato ad allenare a 18 anni e dopo esattamente diciotto anni ho pensato che fosse arrivato il momento di rimettermi in discussione e capire se il mio modo di allenare era ancora corretto oppure era possibile migliorare e imparare qualcosa di nuovo; non tanto dal punto di vista tecnico, per i quali frequento corsi…

Dettagli

Federica Milani, atleta

Premetto che mi hanno sempre interessato e affascinato le dinamiche e le modalità della comunicazione con noi stessi e con gli altri, così come l’osservare l’influenza che i nostri pensieri hanno sui nostri risultati (non solo sportivi) e comprenderne l’importanza. Avevo inizialmente sentito parlare e approcciato l’allenamento mentale tramite la disciplina dell’arrampicata che pratico nel…

Dettagli